2002/2010

SF - Non e' vero che il lusso costa


"....Il lusso ha spesso un prezzo eccessivo ma un'attenta progettazione può combinare il lusso stesso ad un prezzo conveniente. Il fatto è che non è difficile!...."

Carissima Letizia,

ciao, ti rispondo con ordine. Prima però ti ringrazio nuovamente per i complimenti.

In realtà il mio lavoro è progettare i locali prima di essere arredati. In pratica progetto l'esatta disposizione degli arredi per soddisfare le esigenze del cliente e solamente dopo, ma in sinergia con il contesto esterno, gli compongo intorno l'involucro. Ovviamente rispettando precise architetture e mettendoci la mia fantasia. Questo sistema di lavorare evita che il mobiliere impazzisca nell'arredare la casa e possa quindi utilizzare mobili di serie. A tutto risparmio di tempo e di denaro. Se tuo figlio deve solo arredare la casa, senza intervenire sulle tramezze, allora ti consiglierei di rivolgerti direttamente ad un buon mobiliere. Se poi ti serve un consiglio, io ci sono. A riguardo della tua osservazione sul presunto costo eccessivo delle opere da me progettate mi preme evidenziare che sono tutte tranquillamente alla portata di chiunque intenda costruirsi qualche cosa. Il lusso ha spesso un prezzo eccessivo ma un'attenta progettazione può combinare il lusso stesso ad un prezzo conveniente. Il fatto è che non è difficile!

Dico sempre a tutti che i conti si devono fare alla fine della realizzazione e non all'inizio e tu non immagini nemmeno che spese inutili vengono sostenute per carenze progettuali unite alle idee scoordinate degli artigiani. Con questo non voglio assolutamente dare colpe agli artigiani, i quali solitamente fanno bene il loro lavoro, ma voglio rimarcare il fatto che senza un buon coordinamento delle idee non si ottengono buoni risultati. Ti faccio solo un esempio. Se tu clicchi sul link che trovi in calce alla lettera (vedi VILLA CONCORDIA in Esperienze/nuovecostruzioni che trovi nel menù a tendina. ndr.) mi dirai sicuramente che non tutti possono permettersi la casa che vedi. E invece ti sbagli e te lo dimostro.

La casa in oggetto è a pianta rettangolare, ha un semplice tetto a quattro falde, sostenuto da pilastri interni puntualmente posizionati in fase di progettazione. Questa progettazione ha consentito di realizzare un castello portante del tetto di ridotte dimensioni che, unito alla semplicità costruttiva, ne ha ridotto drasticamente i costi. Ci sono poi solo due comignoli ma che accolgono in realtà due canne fumarie ognuno, sempre per il fatto che sono stati preventivamente studiati sia la disposizione degli arredi che gli impianti tecnologici interni. Il lattoniere ha quindi realizzato soltanto due cappelli e due collari e, se consideriamo che una casa ha sempre quattro o cinque camini, puoi subito immaginare che già qui vi è stato un risparmio del 60% rispetto ad una casa normale. Se poi aggiungiamo che il tetto ha solamente quattro canali di gronda e quattro tubi discendenti e non tutta una serie di lattonerie tipiche dei tetti "arzigogolati" che si vedono in giro, puoi tranquillamente immaginare qual'è stato il risparmio finale solamente in queste voci di spesa...

In fase progettuale, tra i pilastri ed i camini che ti ho descritto prima, ho previsto quattro cavedi di servizio in cui gli artigiani hanno potuto posizionare ognuno i propri impianti (elettrico, riscaldamento, sfiati, aspiratori, predisposizione pannelli solari termici e fotovoltaici, allarme, collettori, cablatura, ecc.). Questo ha comportato l'assenza di demolizioni e, quindi, un netto risparmio di mano d'opera. Nella hall di ingresso vi sono due travi in cemento armato, necessarie alla statica della casa, le quali sono state modellate direttamente in fase di getto impiegando due stampi in polistirolo, del costo di soli 150 euro, che ho fatto realizzare appositamente a disegno. Se quelle modanature non fossero state previste preventivamente, la loro realizzazione in cartongesso a posteriori sarebbe costata sicuramente dieci volte tanto...


Concludo dicendo che solamente questi lavori hanno avuto un risparmio di circa 30.000 euro i quali sono serviti per coprire le spese di realizzazione delle finiture esterne quali il cornicione di gronda lavorato a disegno, le pietre d'angolo, i marcapiano, le colonne in pietra e tutti i contorni finestra... Come vedi, tutto è possibile. Per tutti.

A te le conclusioni...

A risentirci!

Pier Giorgio


Per questione di privacy i nomi riportati sono di fantasia